Jan Fabre. Glass and bone sculptures

La mostra presenta oltre 40 opere in vetro e ossa, realizzate dall’artista belga tra il 1977 e il 2017. Una riflessione filosofica, spirituale e politica sulla vita e la morte attraverso la centralità della metamorfosi.

Abbazia di San Gregorio, 172 Dorsoduro, Venezia. Dal 13 maggio al 26 novembre 2017. Ingresso libero.

article-photo-glass_and_bone_sculptures

Evento collaterale della 57° Biennale Arte.

http://janfabre.be/angelos/eng/exhibitions/jan-fabre-glass-and-bone-sculptures-1977-2017

http://icondesign.it/storytelling/jan-fabre-intervista/

http://www.vogue.it/l-uomo-vogue/people-stars/2017/05/11/jan-fabre-alla-biennale-darte-venezia/

Annunci

57° Biennale Arte. Viva Arte Viva

La 57° Esposizione Internazionale d’Arte dal titolo VIVA ARTE VIVA, curata da Christine Macel, è aperta al pubblico fino a domenica 26 novembre 2017.

unwujrydph84986

85 Partecipazioni Nazionali negli storici Padiglioni ai Giardini, all’Arsenale e nel centro storico di Venezia. Tre i paesi presenti per la prima volta: Antigua e Barbuda, Kiribati, Nigeria. Eventi Collaterali sono proposti in tutta Venezia da enti e istituzioni internazionali.

Recensioni ed informazioni su singoli spazi e padiglioni in arrivo su VeneziArt.

http://www.labiennale.org/it/arte/index.html

http://nuovavenezia.gelocal.it/venezia/cronaca/2017/05/09/news/biennale-la-gioia-dell-arte-invade-venezia-1.15311903

http://www.artribune.com/arti-visive/arte-contemporanea/2017/05/uno-strepitoso-padiglione-italia-alla-biennale-di-venezia/

http://www.artribune.com/arti-visive/arte-contemporanea/2017/05/agendissima-artribune-vademecum-venezia/

http://www.vogue.it/news/vogue-arte/2017/05/08/venezia-biennale-arte-2017-intervista-alla-curatrice-direttrice-christine-macel/

http://blog.ilgiornale.it/franza/2017/02/14/superba-biennale-darte-di-venezia-2017-ecco-la-lista-di-tutti-gli-artisti-di-viva-arte-viva-con-gli-italiani-salvatore-arancio-maria-lai-giorgio-griffa-riccardo-guarne/#

Le altre quattro mostre da non perdere a Venezia:

http://www.arte.it/notizie/venezia/biennale-venezia-quattro-artisti-da-non-perdere-12899

David LaChapelle alla Casa dei Tre Oci

nativity

La Casa dei Tre Oci di Venezia accoglie da domani 12 aprile fino al 10 settembre 2017, l’esposizione Lost+Found del fotografo David LaChapelle.
La mostra, curata da Reiner Opoku e Denis Curti, presenta oltre 100 immagini che ripercorrono la carriera dell’artista statunitense, dai primi progetti in bianco e nero degli anni novanta fino ai lavori più recenti a colori. E’ la prima monografica di LaChapelle a Venezia e propone l’anteprima mondiale di New World, nuova serie realizzata negli ultimi 4 anni; 11 fotografie che vedono il ritorno alla figura umana e ruotano attorno a temi spirituali legati alla natura.

http://www.treoci.org/index.php/it/

Tre Oci. Giudecca 43, Venezia. Chiuso il martedì.

http://insideart.eu/2017/03/16/david-lachapelle-lost-found/

http://www.arte.it/calendario-arte/venezia/mostra-david-lachapelle-lost-found-37247

In giro per librerie a Venezia (1)

la-toletta-venice-1-1024x768

Iniziamo un viaggio nelle librerie veneziane, una fotografia attuale di ciò che la città lagunare offre agli amanti della carta stampata.

Partiamo, quindi con quella che è da anni un’istituzione: “La Toletta“. Un pezzo di storia veneziana, visto che è nata nel 1933. Situata, ovviamente, in Saca de la Toletta, in ambienti puro stile anni ’70. Libreria benemerita ma, negli anni, in progressivo “restringimento”. Prima la perdita del grande Spazio Mondadori vicino a Piazza San Marco (ora Louis Vuitton), poi la chiusura dei due spazi adiacenti a quello storico (Architettura ed Arte e Toletta Kids). Una libreria viva ma malinconicamente impoverita, con spazi evaporati, ora in mano alle ennesime rivendite di borse ed abiti che ammorbano Venezia.

http://www.latoletta.com/

Saca della Toleta, 1214 Dorsoduro. Dal lunedì al sabato 9.00-19.30. Domenica 15.00-19.00. Per informazioni 041 52 32 034 o info@libreriatoletta.it.

“Treasures from the Wreck of the Unbelievable” a Palazzo Grassi e Punta della Dogana

 

62769-damien_hirst_palazzo_grassi_atrium

E’ iniziata il 9 marzo e continuerà fino al 3 dicembre l’esposizione veneziana di Damien Hirst. La mostra, un viaggio tra realtà ed invenzione, ha richiesto dieci anni di lavoro preparatorio. Arriva adesso al pubblico fra entusiasmi (The Guardian) e pesanti stroncature (The Telegraph).

http://www.palazzograssi.it/

Recensioni ed articoli:

https://www.theguardian.com/artanddesign/2017/apr/06/damien-hirst-treasures-from-the-wreck-of-the-unbelievable-review-titanic-return

http://www.telegraph.co.uk/art/what-to-see/damien-hirst-treasures-wreck-unbelievable-review-spectacular/

https://www.nytimes.com/2017/04/06/arts/design/damien-hirst-francois-pinault-palazzo-grassi.html

http://theartnewspaper.com/news/news/damien-hirst-s-epic-comeback-in-venice/

http://www.artribune.com/arti-visive/arte-contemporanea/2017/04/damien-hirst-mostra-venezia-pinault/

http://www.arte.it/notizie/venezia/il-trionfo-%C3%A8-di-damien-hirst-a-venezia-12787

http://www.ilpost.it/2017/04/08/damien-hirst-venezia-treasures-from-the-wreck-of-the-unbelievable/

http://www.lastampa.it/2017/04/06/cultura/arte/home-cover/venezia-jesus-hirst-superstar-JUEfgzGldp3Lc2fcYhm58I/pagina.html